2° step della Skincare: Il tonico

Il tonico per il viso è il cosmetico più sottovalutato: pochissime persone lo utilizzano e questo perché non se ne conoscono i reali vantaggi ed esistono ancora dubbi su a cosa serve, quando usarlo e come si usa.

Il tonico è una soluzione liquida con una texture molto fluida. Alla sua formula di base vengono solitamente aggiunti ingredienti lenitivi, idratanti, astringenti, purificanti ed esfolianti.

Ne esistono di due tipologie:

Alcolici: maggiormente diffusi in passato, quando non erano ancora note le tecniche per trattenere gli oli essenziali a lungo termine in una soluzione prima di alcool;

Senza alcool: ottenuti dalla distillazione acquosa di piante o fiori come le rose o le amamelidi. La loro base è vegetale: contengono sostanze umettanti e solubilizzanti, che rendono l’applicazione più gradevole.

Esistono, inoltre, anche formulazioni bifasiche, costituite da una parte acquosa e una oleosa, o idroalcoliche.

Va utilizzato dopo la quotidiana detersione del viso non solo per garantire una pulizia approfondita della pelle, ma anche per ridurre visibilmente i pori dilatati. Spesso, durante la skincare, vengono rimosse le sostanze antiossidanti che sono preziose per la pelle, per questo subentra il tonico con il compito di reintegrarle. Inoltre, è stato progettato per trattenere l’umidità della pelle, donando una sensazione di freschezza, idratazione e facendola apparire anche più giovane. Alcune tipologie di tonici hanno anche potere esfoliante: l’applicazione quotidiana elimina le cellule morte, contribuendo al rinnovamento cellulare, contrastando la fuoriuscita di peli incarniti, punti neri e rughe. Il risultato? Pelle visibilmente sana e luminosa. Inoltre, permette anche di far penetrare meglio e in maggiore profondità i principi attivi dei prodotti che si applicheranno successivamente per completare la skincare routine.

Come per tutti gli altri prodotti della beauty routine, anche per la scelta del tonico viso occorre prendere in considerazione alcuni fattori, come gli ingredienti presenti nella sua formulazione e il tipo di pelle. Si potrà, dunque, optare per un tonico astringente, nel caso di pelle grassa; per un tonico lenitivo e calmante, se la pelle è sensibile; per un tonico idratante, infine, se la pelle è secca; un tonico rivitalizzante è invece adatto a tutti i tipi di pelle soprattutto per prevenire l’invecchiamento cutaneo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *